Ultimo aggiornamento (20 Settembre 2011)

Centro Equitazione Le Valli

  

I servizi dell'Associzione "Centro Equitazioni Le Valli"  

  • Battesimo della sella per i piu giovani
  • Corsi individuali di monta maremmana
  • Corsi Collettivi
  • Passeggiate a cavallo
  • Trekking di più giorni Raduni
  • Cene sociali

E' possibile alloggiare in sistemazione di B&B nella struttura dell'Etruria o affittare per periodi lunghi i Casaletti nel Bosco il tutto sito all'interno della proprietà a poche centinaia di metri dal maneggio  

 

 

 

 

Lezioni di monta da lavoro, equitazione di base, equitazione di campagna

 

La struttura mette a disposizione per i propri ospiti oltre ai box e paddock, campo in sabbia di 14 mt , tondino e bosco per un corretto allenamento dell'animale e un piacevole e comodo modo di vivere il proprio cavallo.

La pensione confina con i boschi della Tuscia, che consentono in pochissimi minuti di  piacevole passeggiata di raggiungere importantissimi siti archeologici e boschi spettacolari.

Attraverso le escursione si avrà modo di conoscere luoghi di altri tempi, trovarsi nelle valli del parco tra tombe etrusche percorrendo il fiume e visitando boschi in percorsi sconosciuti al turista.

 

Per info sui servizi del Centro Equitazione tel. 331-3685178

 

 

Notizie sul Centro
Il centro ippico  rappresenta è l'unica struttura del territorio, dove è possibile attraverso la pratica dell’attività equestre rivalutare, scoprire e conoscere il vasto territorio vetrallese, costituito da paesaggi di notevole bellezza e interesse storico (via Francigena, via Clodia, Foro Cassi); risulta eccellente come punto d’appoggio, transito e collegamento tra le altre strutture presenti nella provincia, utilizzabile da cavalli e cavalieri che esercitano il turismo equestre, nonchè come centro dove poter praticare e favorire l’equitazione di campagna e tutte le discipline che essa racchiude, prima fra tutte la monta da lavoro.


Il territorio comunale infatti, geograficamente rientra nella ben più ampia e famosa terra chiamata “terra di maremma”. La provincia di Viterbo  è terra di Butteri della maremma laziale,  che utilizzava il cavallo maremmano per lavorare nei campi e soprattutto con il bestiame. Attualmente questa nobile, antica e instancabile razza viene utilizzata in varie discipline sportive( salto ostacoli, trekking,passeggiate, ecc) ma quella che più dove più eccelle è l’equitazione di campagna e la monta da lavoro.
Il centro quindi è orientato proprio nello sviluppare la conoscenza e la pratica di queste attività che ben si prestano alla riscoperta di tradizioni e alla rivalutazione del territorio. Infatti nella struttura è presente un Tecnico Federale di Equitazione di Campagna di 1° livello F.I.S.E. (Federazione Italiana Sport Equestri), abilitato a istruire i cavalieri che si avvicinano a all’equitazione di campagna, addestrare i cavalli (maremmani) per praticare a livello agonistico e non, la monta da lavoro, e soprattutto ad accompagnare cavalieri in passeggiate e/o viaggio su percorsi noti, utilizzando e quindi rivalorizzando le ippovie presenti (turismo equestre).
A tale scopo sono state realizzate opere che possano essere messe al servizio dei cavalieri che vogliono intraprendere, anche per la prima volta, sia le discipline dell’equitazione di campagna (cross-contry, endurance e monta da lavoro) sia il turismo equestre vivendo il cavallo come mezzo per stare a contatto con il mondo rurale, ancora genuino, per  la scoperta di aree paesaggistiche, storiche, archeologiche e culturali di notevole interesse.
Quindi il centro è provvisto di un campo regolamentare in sabbia (minimo mt. 40*20), untile per esercitare sia l’approccio all’equitazione naturale, che va dalla messa in sella del principiante alla preparazione del cavaliere per poterlo mettere in condizione di effettuare uscite in campagna e affrontare percorsi adatti alle singole capacità (percorsi che prevedono varie difficoltà a secondo del livello di preparazione del cavaliere), sia per allenare i cavalli che poi andranno ad effettuare prove in gare di valenza regionale e nazionale di monta da lavoro.
In tale contesto si prevede di ospitare anche cavalli e cavalieri, singoli o in gruppi, provenienti da realtà lontane dal mondo rurale e soprattutto lontane dal mondo tradizionale dei butteri, con lo scopo di divulgare, avvicinare e far toccare con mano questo “stile di vita” così affascinante e misterioso quale è la monta da lavoro e il mondo dei butteri.  

 

PREROGATIVE DELL’IMPIATO

Il maneggio, di piccole dimensioni, è collocato in una posizione molto favorevole per la pratica del turismo equestre e dell’equitazione di campagna e può trovare un’opportunità di lancio delle proprie attività lavorando su le seguenti filoni:

  1. Scuola di equitazione di campagna;
  2. Preparazione cavalli per l’equitazione di campagna;
  3. Gestione cavalli di privati e di proprietà della struttura;
  4. Attività agonistica relativa alla pratica della monta da lavoro (preparazione cavalli e cavalieri);
  5. Organizzare passeggiate rurali alla scoperta del territorio comunale, fruttando le ippovie presenti sul territorio (vedi planimetria “A” in allegato);
  6. Punto di appoggio per cavalli e cavalieri in transito e collegamento con analoghe strutture presenti nei comuni limitrofi;

 

STATO ATTUALE DELL’IMPIANTO

Il Centro si sviluppa su  un’area rurale della superficie complessiva di 30.000 mq, racchiusa completamente da recinzione metallica. Confina a nord con la strada comunale ………, est con la proprietà private, sud con strada consorziale Valli Cesate e a ovest con proprietà privata.
Si accede alla struttura mediante due ingressi , uno, quello principale dalla strada comunale …… e l’altra dalla strada consorziale Valli Cesate nr. 2. Tutto l’impianto è costituito da varie strutture che possono essere individuate come segue:

  1. Area campo allenamento cavalli, con fondo in erba, delimita da una staccionata con pali e filari in legno (mt. 35x60);
  2. Area campo addestramento cavalli, delimitato con pali e filari in legno;fondo in erba; ( mt. 35x40);
  3. Un tondino, con fondo in erba, del diametro di mt.14 delimitato con pali e filari in legno;
  4. Una letamaia;
  5. Un fienile della superficie di circa mq. 64;
  6. Nr.4 box, in muratura
  7. Nr. 4 box, prefabbricati (lamiera e legno);
  8. Un locale selleria/spogliatoio;
  9. Parcheggio interno;
  10. Strada interna.

Alcuni luoghi facilmente raggiungibili per gli ospiti della pensione per Turismo equstre:

Gli splenditi boschi che circondano il maneggio, con i loro sentieri comodi da percorrere adatti anche ai principianti;

Il monte Fogliano (966 mt) che è il secondo monte più alto tra i monti Cimini (3/4 ore).

Il parco del Marturanum (Barbarano Romano) dove è possibile visitare le tombe etrusche scavate nel tufo (2/3 ore).

La riserva naturale del Lago di Vico (4/5 ore).

Blera

Necropoli di Norchia

Vejano